Quanti stili per la pole dance !

Pole dance è un ibrido tra la danza, la ginnastica, l’arte acrobatica e quella teatrale. Esistono vari stili di Pole Dance, dove l’accento viene posto su uno piuttosto che su un altro aspetto di questa disciplina.  Tra i più conosciuti stili vi sono: Pole Artistic, Pole Exotic e Pole Fitness.

Pole Artistic– è uno stile che si avvicina alla ginnastica artistica, ma contiene più danza e arte teatrale. La coreografia  deve essere molto armoniosa, esprimere qualche idea ed emozionare il pubblico.  Grande importanza per questo stile hanno la sinergia dei movimenti con la musica, l’espressione teatrale e il costume scenico. A differenza con lo stile Pole Exotic, qui la danza ha spesso carattere non sensuale e la pertica viene utilizzata solo come uno strumento di lavoro per eseguire la coreografia. Proporzione tra i trick/spins sul palo e la danza circa 50% : 50%.  E’ il più spettacolare e emozionante stile di pole dance.

Pole fitness – è la vera e propria danza acrobatica volta ad esaltare la potenza fisica del corpo e le sue capacità. L’atleta deve mostrare tanta forza fisica e flessibilità, tutto messo assieme in una sequenza di vari trick eseguiti con accompagnamento di una musica semplice in sottofondo che non distrae attenzione dalla ballerina. Spesso l’atleta non scende dal palo durante tutta la sua performance e si esibisce scalza e con le scarpe da ginnastica. Proporzione tra i trick/spins sul palo e la danza circa 80% : 20%.   E’ il più difficile stile di pole dance.

Esempio: Pantera Blacksmith (si esibisce sul “palo volante”, una variazione di pole dance detta Flying Pole Dance che lei stessa ha introdotto nell’anno 2013)

Pole Exotic – è la danza sinuosa che esalta la bellezza e la sensualità di una donna (o, più raramente, di un uomo). Più che trick difficili sul palo, qui sono molto più importanti la plastica femminile, la flessibilità, l’espressione di emozioni del corpo. Sono ammessi vestiti sexy (stivali, scarpe con tacchi altissimi, lingerie e gadget sexy). A differenza con la lap dance, qui la ballerina non si spoglia, non accarezza  le zone intime con le mani e non balla sulle ginocchia di un uomo. Nonostante il suo carattere, questo stile non è volgare, ma “sanamente erotico”, se eseguito da una pole dancer professionale e seria. Siccome qui i trick difficili e la forza fisica hanno un ruolo secondario, Pole Exotic è uno stile più adatto ai principianti.

Oltre a questi 3 stili principali della Pole Dance, possiamo distinguere tanti altri stili, per esempio:

Pole Modern&Drama  – la pole dance in stile della danza moderna attraverso la qualche viene raccontata una storia…
Esempio: Marlo Fisken

Pole Tribal – lo stile tribale con movimenti molto veloci, selvatici, a volte bruschi, decisi.
Esempio: Oona Kivela

 

Pole Tango – la pole dance stilizzata che utilizza la musica e gli elementi di tango.
Esempio: Elena Gibson

Pole Ballet – la pole dance stilizzata che utilizza la musica e gli elementi della danza classica.
Esempio: Julian Fay

Probabilmente esistono tanti altri stili della Pole Dance che non ho elencato in questo articolo. La varietà di stili è una naturale conseguenza della libertà di espressione che permette questa disciplina ai suoi seguaci. Siamo tutti diversi dal punto di vista della forza fisica, la costituzione del corpo, la flessibilità,  il carattere, l’emotività, le preferenze musicali e il background di danza.

Per questo motivo, dobbiamo cercare di unire tutti questi elementi unici che formano la nostra personalità e creare il nostro proprio stile di Pole Dance. Chi cerca, trova!

Double Pole Dance : al palo da sole? meglio in due.

Buongiorno care lettrici oggi durante questa giornata di festa vi parlo di un argomento ancora poco trattato nell’ambito della Pole Dance .

Giusto Lunedì la nostra scuola ha ospitato due meravigliose atlete ; le ” Kessler Twins” che ci hanno mostrato e insegnato molte figure da fare con la vostra compagna di pole.

Per chi volesse intraprendere una avventura di double ho alcuni suggerimenti :

  • meglio che abbiate un minimo di esperienza nella pole dance ( almeno il livello base)
  • è bene che come coppia almeno una delle due sia leggermente più leggera dell’altra in modo da poter gestire meglio il peso nelle combo al palo
  • divertirsi ad esperimentare figure insieme alla vostra compagna stando sempre attente a non farvi male.

Nel Double esistono figure sul palo, a terra e di acrobatica.

Dei esempi di figura al palo é questa:

Un esempio di bilanciamento a terra :

E ricordate è fondamentale avere il completo uguale quando ci si allena 😉

 

Campionato Italiano IPSAF : Moris Ciccone e il secondo argento

Si è concluso da più di una settimana ormai il Campionato di pole sport svoltasi ad Ancona . Come ad ogni edizione si sono esibiti talentuosi atleti in fantastiche coreografie che rendono questo sport una forma d’arte leggiadra e fluida.

I risultati, partoriti da una giuria seria e molto meticolosa sono  :

Senior Competitive Woman – Bianca Breschi campionessa nazionale per la seconda volta

Laura Beatrice Songini per il secondo posto

Laura Borgognoli per il terzo posto

Senior Competitive  Man  – Alessio Bucci per il primo posto

Mori Ciccone secondo posto

Marko Daza per il terzo posto.

E la pole Aerial Lab è orgogliosa dei  suoi atleti Moris Ciccone per il suo secondo Argento personificando un cacciatore nella remota savana africana e il piccolo panda Ester Krasniqui che è arrivata al 5° posto della categoria Junior Competitive.

Moris Ciccone

 

Ester Krasniqui

La nostra piccola Ester parteciperà al Campionato Europeo che si terrà il 10 e 11 Giugno a Budapest:

1st- IPSAF European Pole Sport Championship 2017

Vi aspettiamo anche  al Campionato a Squadre  a Legano il 9 Ottobre con molte delle nostre atlete 😉

 

 

 

Le prime 5 figure da fare nei primi 10 giorni di pole dance

Buona giorno atlete,

Oggi parliamo delle 5 figure che consiglio di padroneggiare nelle prime 10 lezioni di Pole Dance.

1- Camminata

Una mano sul palo, spalla bassa e si inizia a camminare intorno al palo cercando di mantenere i piedi più vicini alla base del palo.

 2 –  step around

Stesse accortezze della figura precedente e aggiungo un passo iniziale con la gamba destra  vicino al palo, mi do una leggera spinta stendendo la gamba sinistra e mi giro in “ronde jambe” . Successivamente appoggio il piede sinistro accanto al destro alla base del palo e concludo il giro dandomi la stessa spinta con il piede destro per chiudere il giro.

3 -pole sit

Si può fare da terra oppure dopo una salita sul palo. Consiglio di partire da terra dietro al palo con un braccio teso e uno piegato poi a gambe unite piego le ginocchia che passeranno attraverso il palo. Da qui sposto i piedi in avanti davanti al palo in mezza-punta e alzo una gamba accavallandola all’altra. Attenzione a non rilassare la schiena  e mantenere lo sterno appoggiato al palo oppure si incorreranno a spiacevoli dolori tra le cosce. in fine stendo la gamba sotto.

4 – Standing Snake Pose

Questa posizione è ottima per imparare a stringere bene le ginocchia sul palo.

si inizia come per la seduta arrivando al punto in cui si portino i piedi davanti al palo; successivamente si sposta il  busto spingendolo avanti da un lato del palo. A questo punto si abbassa prima il braccio interno rispetto al palo spingendo bene con le scapole il palo  e poi l’esterno allo stesso modo.

5- Climb

Ultima figura che consiglio è la salita. E’ consigliabile imparare  questa posizione con entrambi piedi tesi.

Mi raccomando è fondamentale la costanza nell’allenamento solo grazie a questa  potrete notare significativi benefici.

Consiglio di allenarsi due volte a settimana per chi fosse neofita in modo da dare il tempo al corpo per riprendersi dopo una lezione ma non far passare troppo tempo tra una lezione e l’altra da dimenticare gli insegnamenti.

 

 

Problemi con il grip sul palo? ecco alcuni suggerimenti

Buongiorno polerine oggi parliamo del Grip sul palo e le problematiche che si possono avere 🙂

Per chi è neofita a questo sport  il modo migliore per “non scivolare” è :

  • non mettere crema sul corpo fino a 24 ore prima di una lezione di pole
  • pulire bene e spesso il palo con un panno di micro fibra e alcohol vaporizzato
  • attenzione alla pelle troppo secca ,  non vi permetterà di aderire al palo.

Ci sono prodotti in commercio che possono aiutare nell’ impresa come iTac, Dry Hands, Magnesite liquida o la polvere Mighty Grip, che possono tornare molto utili soprattutto per le principianti di questa disciplina. Oltre all’effetto che hanno sulle mani e sul corpo, ovvero quello di rendere più facile la presa al palo, questi prodotti possono tornare utili anche per acquisire un minimo di sicurezza in più quando si prova un nuovi trick .

Il dry hands, ad esempio, è un prodotto ottimo da utilizzare sulle mani, perfetto quando si deve lavorare sulla forza e potenziare la parte alta del corpo, lavorando su figure come boomerang e trilly.

L’iTac, di contro, è più indicato per l’uso sul corpo, nonostante alcune persone ritengano che si possa usare anche sulle mani, che funge da vera e propria colla sul palo, perfetto per interno cosce, retro-ginocchia, interno gomiti e fianchi, soprattutto se dovete lavorare su figure come gemini, scorpio o upside-down o combo che comprendono il rimanere per molto tempo a testa in giù. Inoltre, la linea iTac permette di scegliere la “potenza” del prodotto, da 1 a 4, a seconda di quanto aderenza volete ottenere.

La magnesite liquida potete trovarla facilmente nei negozi sportivi o per l’arrampicata. Serve per asciugare le mani troppo sudate e aiuta ad avere un po’ più presa sul palo. Il contro è che lascia un bel segno bianco sulle mani.

La polvere Mighty Grip non l’ho provata al momento e quindi non vi posso dare un giudizio in merito.

Un valido sostituto per fare grip sulle gambe che non lascia residui, non attacca eccessivamente, di facile reperibilità ed è anche parecchio più economico, è la schiuma da barba. Ne basta davvero una noce spalmata sulle gambe per effetti strabilianti e non si rischia nemmeno di rimanere troppo appiccicate al palo e farsi male.

Ma attenzione questi prodotti sono solo “un aiuto” consiglio di non abusarne , specialmente per chi è nuovo alla pole dance altrimenti si potrebbe avere problemi ad allenarsi senza questa magica sostanza 😉

Oro nel double exotic per la Pole Aerial Lab!

il 29 Aprile a Torino si è svolta la seconda edizione del Exotic Moon Pole dance contest ospitata dall’eccentrico locale El Barrio.

La nostra squadra formata da : Francesca Ruffato e Federica Chellini per la categoria Amatori e Gabriella Botteri e Sara Di Giacomo ( aka Sugar Girls); ha fatto faville dimostrando a tutti di che pasta è fatta la Pole Aerial Lab.

Francesca Ruffato

Federica Chellini

Gabriella & Sara (Sugar Girls)

Devo dire che rispetto alla precedente edizione il livello di competizione si è alzato notevolmente creando un evento di grande spettacolo interessante e diversificato. I costumi di pari passo erano meglio curati e i temi più originali per non parlare della favolosa passerella di scarpe Pleaser.

I vestiti per questa gara sono stati confezionati dalla talentuosa Flamingo Pole Wear.

In questa edizione i giudici erano la fantastica  DARIA CHEBOTOVA, ALESSIO BUCCI, FELICITY LOGAN e  MARK BUHANTSOV.

Hanno dato a mio avviso giudizi molto veritieri e meritevoli premiando il nostro double con l’oro !

In conclusione è stata una meravigliosa esperienza e invitiamo le polerine a provare anche questa tipologia di gara  😉

Visitate la nostra pagina FaceBook per aggiornamenti e video .

https://www.facebook.com/poleaerialab/?fref=ts

Sta arrivando l’estate ma non ci si ferma alla Pole Aerial Lab !

State già pensando al mare e  avete già prenotato le ferie?  Se non intendete spostarvi durante i mesi estivi la Pole Aerial Lab non si ferma mai e offre lezioni tutta estate.  Crediamo sia giusto non fermare gli allenamenti per più di un mese per non perdere la forza fisica  e faticare enormemente quando si intende riprendere a settembre. A differenza di molti altri sport la pole dance non è uno sport che si può prendere e lasciare con molta facilità; anche se non ci si allena a livello agonistico è bene mantenere una certa coerenza nelle presenze in palestra.

Se invece la vostra scuola chiude per più mesi durante l’estate ecco qui alcuni consigli per mantenersi allenati .

a giorni alternati fare questi esercizi:

  • 1° Esercizio: Double crunch. Mettete a terra sulla schiena, posizionate le mani dietro la nuca e orientate gli arti inferiori verso il soffitto, con il ginocchio leggermente flesso e l’articolazione della caviglia in flessione dorsale. Da questa posizione iniziale alzate leggermente la testa e contemporaneamente avvicinate le ginocchia alle spalle. Quando avvicinate le ginocchia alle spalle soffiate, e quando le allontanate prendete aria. Di questo esercizio fate 3 serie da 15 ripetizioni: tra una serie e l’altra fermatevi appoggiando la testa e la pianta dei piedi a terra, riposatevi e riprendete con l’esercizio.

  • 2° Esercizio: Contatto dalla posizione di plank del ginocchio con il gomito dell’arto omologo. Mettetevi a terra, in posizione di plank, con le mani alla larghezza delle spalle e il resto del corpo proteso dietro, sollevato dal pavimento, gli arti inferiori sullo stesso piano del busto, i quadricipiti, i glutei e gli addominali in contrazione, le spalle lontane dalle orecchie. Da questa posizione iniziale piegate una gamba in avanti e toccate il gomito soffiando e tornate nella posizione iniziale prendendo aria. Lavorate alternando la gamba destra e la gamba sinistra. Di questo esercizio fate 3 serie da 20 ripetizioni (10 ripetizioni per gamba): tra una serie e l’altra fermatevi, riposatevi e riprendete con l’esercizio.

  • 3° Esercizio: Plank in appoggio sui polsi. Posizionatevi a terra e mettete le mani alla larghezza delle spalle, il corpo ben proteso dietro, sollevato dal pavimento, e gli arti inferiori sullo stesso piano del busto. L’esercizio consiste nel mantenere questa posizione tra i 20, 30 e 45 secondi, sempre con i quadricipiti, i glutei e gli addominali in contrazione e le spalle lontane dalle orecchie con il collo in atteggiamento neutro. Di questo esercizio fate 3 serie basate sul cronometro, tutte da 20 secondi o, ad esempio, la prima seria de 20 secondi, la seconda da 30 secondi e la terza da 45 secondi o viceversa. Potete scegliere voi: in ogni caso, tra una serie e l’altra fermatevi tornando in una posizione più comoda, riposatevi e riprendete con l’esercizio.

  • 4° Esercizio: Allungamento dei muscoli. Posizionatevi a terra in posizione di affondo con gamba destra avanti tenendo la schiena dritta. Successivamente far scorrere la gamba sinistra in dietro e spingere il bacino in giù. Tenere la posizione per 20 secondi e poi spostarsi in dietro per allungare il bicipite  femorale. Ripetere questo esercizio per 4 volte e successivamente cambiare gamba.  

 

Si può incrementare l’allenamento cercando uno spazio verde con attrezzi ginnici per migliorare la presa delle mani .

Ovviamente per mantenersi in forma serve anche seguire un buon regime alimentare e non diminuire le ore di sonno.

 

Esito del Italian Pole Dance Contest !

Durante questo week-end di festa molte atlete italiane si sono esibite a Modena per il consueto appuntamento con l’Italian Pole Dance Contest mostrando un livello di preparazione sempre più alto. Se si pensa alle prime edizioni il cambiamento per quanto riguarda la precisione delle performance e la scelta dei temi è lampante e si spera continui sempre così.

Siamo orgogliosi di dire che la nostra atleta Laura Botti , che ha partecipato nella categoria Avanzato,  si è distinta con un 6° posto nella classifica generale con una coreografia tutta rosa dedica del suo marchio di abbigliamento.  Vi invito a vedere la sua coreografia caratterizzata da un uovo gigante e molte figure complesse.

Sei stata un favoloso Fenicottero !

Altri favolosi atleti che hanno debuttato per la prima volta sono Alessandra Carotti e Cristian Valicella della Pole Work Space di Montichiari .

Alessandra ci ha fatto sognare con una favolosa coreografia molto originale e Cristian “il  calciatore” ci ha emozionato con trick spaziali e una forza incredibile al palo.

Tutto questo grazie agli allenatori , Yana Romanova e Moris Ciccone, che con pazienza e dedizione hanno dato vita a meravigliose coreografie permettendo a questi atleti di esprimersi al meglio sul palco.

Non temete di osare con temi o con oggetti di scena , assicuratevi di brillare su quel palco.

 

 

 

Flamingo Pole Wear : un completo adatto ad ogni occasione tutto made in Italy

Oggi vi parlo di una giovane stilista  e poler, Laura Botti,  che nonostante la crisi e le difficoltà  riscontrate nel mondo della moda al giorno d’oggi non si è arresa e ha creato un brand tutto dedicato alla Pole Dance.

Inizialmente dal 2012 creò per le sue compagne di allenamento qualche completo giacche non è facile trovare delle culottes e  top adatti a questo sport. Successivamente dopo innumerevoli richieste iniziò a creare anche body da gara ancora più difficili da trovare per le atlete.

Creazione dopo creazione Laura Botti si fa conoscere e decide di creare un marchio che racchiudesse tutti i suoi lavori : la Flamingo Pole Were.

Perchè il nome Flamingo per un marchio di Pole Wear?

Laura :  “Essendo amante del rosa, un giorno proposi alla mia amata compagna di palo Deborah un costume rosa… il suo commento fu: sembriamo due fenicotteri!

Da allora l’idea di tatuarci dei fenicotteri e dare il nome Flamingo alla mia collezione!”

L: “Flamingo si distingue per essere un marchio tailoring, offriamo sia prodotti di uso quotidiano per l’allenamento sia prodotti personalizzati per esibizioni gare ed eventi di ogni genere. 

Ogni prodotto dallo shop al personalizzato viene tagliato e cucito singolarmente,nonostante questo gli articolisono studiatial fine di mantere prezzi di mercato accessibili a tutti!”

Laura crea molti completi da allenamento di diversi stili e costumi personalizzati su ordinazione tramite il sito :

 https://flamingopolewear.com/index.html

e la pagina facebook :

https://www.facebook.com/flamingopolewear/?fref=ts

Ad oggi è una delle stiliste per pole dencers e ginnaste più richieste in tutta Italia e ad ogni gara si possono ammirare le sue magnifiche creazioni.

 

 

Come prepararsi ad una gara e cosa fare il grande giorno.

Quante di voi hanno avuto l’occasione di provare a mettersi in gioco e partecipare ad una gara ?  per chi sta pensando di affrontare un’esperienza di questo genere per la prima volta ho da dare dei consigli a mio avviso molto utili.

Prima di tutto bisogna programmare in anticipo gli allenamenti e le lezioni private ( se si devono fare ).  Tenete conto di alternare il giorno di allenamento ad un giorno di riposo cosi da non strafare e rischiare di farvi del male. L’ideale è avere la coreografia già pronta un mese prima della gara così da potersi concentrare su i dettagli e  la resistenza della propria performance.

Una volta definita la coreografia è bene  preparare il vestito da gara che vuole minimo un mese per essere progettato e realizzato dalla vostra sarta di fiducia; lavori richiesti all’ultimo sono sempre approssimativi e magari non rispecchiano al pieno la vostra idea.

Per quanto riguarda la musica Tutto dipende da: il livello di preparazione, la tipologia di gara, e il tempo massimo a disposizione. consiglio una canzone con ritmo lento per chi ha appena iniziato e magari qualcosa di un pò più energico a chi ha una certa esperienza. Se si parla di una gara di exotic questo dipende dallo stile con cui si vuole affrontare la gara.

Importante è anche la prenotazione di un eventuale alloggio se l’ubicazione della gara è molto distante da casa vostra così da vivere tutta questa esperienza con tranquillità e senza l’ansia di dover far presto per tornare.

Dopo tutti questi accorgimenti consiglio i giorni prima della gara di riposarsi a dovere e mangiare pasti completi ed equilibrati così da rendere al meglio.

Il giorno della gara è importante portarsi tutto il materiale che può servire per scaldarsi al meglio come : loop band , tappetino, scaldamuscoli, una tuta comoda . Vi consiglio di portare qualcosa di dolce e zuccherato come miele o cioccolato per darvi un pò di carica in più prima di salire sul palco.  Vi suggerisco di salire sul palco e essere espressivi e energici, in quei 4 minuti il palco è vostro e dovete brillare.

E mi raccomando divertitevi!

Alla fine queste gare si fanno sia per vincere ma manche per divertirsi.

Spero questi consigli siano stati utili 😉